BLOG

 
aquafil_s_news

AQUAFIL E GENOMATICA PER IL BIO-NYLON

Aquafil e Genomatica hanno unito le forze per il bio-nylon

Perché avendo il processo ECONYL® Aquafil lo fa?
Il Nylon, come sapete bene, è un super materiale e Aquafil sta lavorando assiduamente per reinventarlo poiché:
- Permette di rispettare la regola delle tre “R” – ridurre, riutilizzare e riciclare
- Tramite il sistema di rigenerazione ECONYL® può rinascere un numero infinito di volte
- Se verrà nella sua forma prima da fonte rinnovabile, quali le biomasse di seconda o terza generazione, potrà sostituire la gran parte dei polimeri che vengono da petrolio che non possono essere biodegradabili o compostabili per necessità di prestazioni e di durata.

Non c’è dubbio che riciclare, con la giusta tecnologia, è sempre meglio che produrre consumando risorse preziose – comunque scarse o finite – ma il riciclo non è sufficiente per sostenere l’industria nel suo sviluppo futuro.
Un giorno, non molto lontano, anche le plastiche dovranno venire da fonti rinnovabili o saranno destinate a sparire. È dunque necessario investire nello sviluppo di questi materiali del futuro.

La complessa ed affascinante sfida tecnologica che Aquafil ha intrapreso, insieme ad una delle più prestigiose società di biotecnologia del mondo, è infatti solo una conferma che lo straordinario successo di ECONYL® è per Aquafil un punto di partenza, e non di arrivo.
L’industria delle fibre e dei polimeri a volte approfitta della complessità e dell’indiscutibile fascino delle biotecnologie, e spaccia come “bio” un prodotto che nel migliore dei casi ha beneficiato di una qualche goccia di combustibile “bio” usato per produrre un mare di prodotto petrolifero, da un fornitore di un proprio fornitore.

Il progetto di Aquafil con Genomatica mira invece ad ottenere un Nylon dove il carbonio in esso contenuto è al 100% di origine vegetale, e allo 0% di origine petrolifera.
Il processo ECONYL® è come un albero. È un processo circolare che può andare avanti per sempre. Pianti un seme, ottieni un albero, poi l’albero rilascia dei semi e un altro albero nasce. È un processo infinito. Con questo nuovo progetto Aquafil vuole esplorare ancora più a fondo le fonti con cui produrre questo materiale così versatile in modo da portarlo nel futuro.

Leggi il comunicato stampa in italiano.